giovedì 16 gennaio 2014

Dulce de leche

dulce de leche-5445-005

 

Ne valeva la pena.

Ho trascorso più di un’ora mescolando lentamente. Lì per lì mi sembrava un’idea pazzesca…mescolando e rimescolando si formano dei cerchi concentrici che ti trovi a inseguire con gli occhi, come quando butti un sassolino nello stagno…ed è lì che comincia il bello. All’inizio, i movimenti sono veloci e il mestolo sfugge via in quel composto così liquido e bianco, cominci a guardare l’orologio con impazienza e pensi a tutte le cose che avresti potuto fare in quel lasso di tempo, mentre ti senti costretta e legata, indissolubilmente, a quel mestolo di legno che da solo, proprio, non può girare e girare, senza pausa.

Per esempio come riordinare il cassetto dove tieni i canovacci, che è lì, a dieci centimetri da dove ti trovi e che, da settimane, stai pensando che in quelle condizioni non può rimanere, oppure avresti potuto finalmente tirare fuori la piastra e stirarti i capelli, tanto per cambiare il look e sentirti più giovane, ci sarebbe anche da rispondere ai commenti sul blog e da trascrivere alcune idee prima che te le dimentichi, ma no, non puoi. Devi rimanere lì.  E mescolare e ri-mescolare.

E va bene.

Allora mescolo.

E mescolando e ri- mescolando è come se, i tuoi pensieri, che prima si accavallavano, quasi inferociti, adesso rallentassero e si muovessero più sinuosamente intorno a quei cerchi concentrici che nel frattempo sono diventati morbidi  e di un delizioso color caramello … il mestolo disegna onde lente, la crema sta prendendo corpo e sprigiona un profumo che suscita sensazioni quasi dimenticate.  Le caramelle  mou, te le ricordi?….da quanto tempo non sentivi più quel profumo? E’ così lucida e cremosa ora  e più mescoli e più i tuoi pensieri si impastano dentro quelle onde morbide, non puoi resistere, allunghi un dito e lo intingi. Poi chiudi gli occhi e..

Sì, ne valeva davvero la pena.

 dulce de leche-5408-3

Ingredienti:

1 litro latte intero

300 gr zucchero semolato

1/2 cucchiaino di bicarbonato

semi di 1/2 bacca di vaniglia

tanta pazienza…..

dulce de leche-5399

In una casseruola antiaderente versare il latte con lo zucchero e mescolare bene, aggiungere il bicarbonato e i semi di vaniglia. A fuoco sostenuto portare ad ebollizione e poi, proseguire la cottura a fuoco medio continuando a mescolare, soprattutto nella parte finale quando sta per addensarsi. La cottura impiegherà circa un’oretta e mezza. Tenete conto che raffreddandosi si indurisce quindi fate attenzione a non esagerare con la cottura.

dulce de leche-5422

Ingredients:

1 l whole milk

300 g caster sugar

1/2 teaspoon of bicarbonate

the seeds of 1/2 vanilla pod

a lot of patience….

In a non-stick saucepan, mix together milk and sugar, then add the bicarbonate and the vanilla seeds. Bring to a boil on high heat, then, go on cooking at a medium heat stirring constantly for about one hour and a half, above all in the final part when the mixing thickens.

Be careful not overcooking because this mixture thickens on cooling.

 

with love

Pippi

15 commenti:

  1. Uhmm! che voglia di leccare quel cucchiaino!
    Dev'essere una bontà! ;-)

    RispondiElimina
  2. Quanto è bello saper aspettare ( a me riesce raramente, ma quando mi riesce è soddisfazione pura..) ed è assolutamente evidente quanto bene sia riuscito a te..la morbidezza che hai creato e catturato nelle tue foto sa quasi di miraggio olfattivo..sembra di sentirne il profumo, avrei voluto intingere anch'io il dito, ma...c'era di mezzo lo schermo del computer! Luce da incanto, come sempre ed una ricetta che proverò assolutamente, grazie Laura!
    Un abbraccio,
    Fabrizia

    RispondiElimina
  3. Quindi una confettura di latte…. la possiamo chiamare così? A me piace molto il dulce de leche…. A razioni ragionabili eh…. L'ho sempre fatto con il barattolo di latte condensato, fatto bollire in una pentola piena d'acqua fino a quando l'acqua si riduce quasi a meno della metà- Si ripete l'operazione 3 volte e poi é pronto…. Sicuramente lo sapevi già :)

    RispondiElimina
  4. Meraviglia!!! Hai tutta la mia stima per la dose di pazienza che hai messo in quel fantastico barattolo! :) Anch'io ho letto del metodo rapido, suggerito da Daniela, ma ad oggi non ho provato nessuna delle due versioni. :)

    RispondiElimina
  5. sublime!!
    che voglia di una bella cucchiaiata...
    ma per curiosità,ci prepari anche le caramelle per caso?
    a presto

    RispondiElimina
  6. Hai ragione, ne vale la pena dedicarti un'ora a questa preparazione..l'ho fatto una volta anch'io e posso capire la soddisfazione all'assaggio del sudato risultato! Mi hanno insegnato un trucco, mettere una biglia di vetro nella pentola e non mescolare..sembra che funzioni...ma vuoi toglierti il relax nel veder prendere forma una tale delizia?? A te la scelta ^_*
    Buona serata cara e in sua compagnia sono certa che sarà fantastica ^_*
    la zia Consu

    RispondiElimina
  7. Spaziale :) bellissimo ed è così denso e cremoso! wow!
    complimenti, mi segeno la ricetta così la provo appena posso :)
    un bacio e buona serata!
    Silvia

    RispondiElimina
  8. Mamma mia che acquolina! Arrivata in fondo al post non ho potuto fare a meno di spalancare la bocca di fronte a quel cucchiaino così invitante!

    RispondiElimina
  9. Tu queste cose non me le devi fare. Mi vuoi male, ho una fitta al cuore. Non lo sai che io amo tutto ciò che è argentino? Dal dulce de leche al tango? Appena ho un'ora che mi avanza (a proposito, il cassetto dei canovacci sta esplodendo...dovrei sistemarlo anche io) mi armo di cucchiaio di legno e ci do dentro! Altro che! Non vedo l'ora!
    Sei un mito. Pat

    RispondiElimina
  10. Che meraviglia Laura! Le tue foto riescono a farci quasi toccare quello che prepari...peccato non riuscire ad assaggiare, sembra buonissimo!
    Buona giornata Lauretta!
    Sandra

    RispondiElimina
  11. Che bello questo"Andamento lento", introspettivo quanto basta...

    RispondiElimina
  12. Mi sono ritrovata molto nelle tue parole... anche per me mescolare è terapeutico, molto più che impastare... piano piano i pensieri, che inizialmente roteavano vorticosamente, rallentano la loro spirale, in sintonia con l'andamento del mestolo.... e affondano nella crema, avvolgendosi di dolcezza...

    RispondiElimina
  13. Allungherei volentieri la mano per rubarti il cucchiaino pieno di crema e anche la tazza con le stelline :D immagino la bontà, non ho mai provato a farla da me perché non so se riesco a stare per tanto tempo a girare...magari la provo e mi do il cambio con mio marito :)) oppure uso il trucchetto della biglia...ma funzionerà davvero?

    Buona serata
    Enrica

    RispondiElimina
  14. Wow.....che delizia! La vaniglia poi è la mia preferita :-)

    RispondiElimina